È morto a Maracaibo, in Venezuela, Antonio Romolo Cafoncelli.

Il giorno 30 giugno 2020 si è spento nella sua casa di Maracaibo (Venezuela) il nostro compaesano Antonio Romolo Cafoncelli, assistito amorevolmente da sua moglie Maria e da tutti i suoi familiari.
Nato a Montecalvo Irpino nel 1932, Romolo era emigrato, appena diciottenne, in Venezuela. Il Paese sudamericano offriva molte opportunità a chi le voleva cogliere e lui, da gran lavoratore, non si tirò indietro.
Da apprendista falegname iniziò a lavorare insieme ad altri connazionali ma appena si sentì pronto non esitò a mettersi in proprio: lo spirito di iniziativa non gli mancò mai.
Passarono dieci anni di intenso lavoro prima di tornare, con il fratello Libero, a riabbracciare l'amata famiglia. Quella stessa estate conobbe Maria Concetta Tedesco, che sarebbe diventata la compagna della sua vita; in breve si sposarono e tornarono a Maracaibo dando origine ad una famiglia e ad una azienda entrambe prolifiche: dalla loro unione nacquero quattro figli e nel frattempo mutò il campo d'azione dal legno al marmo ["Se sei in grado di lavorare il legno saprai farlo anche con il marmo!" gli disse un amico e collega].
L'abilità imprenditoriale lo premiò con successo: sviluppò sempre più la sua impresa e divenne un punto di riferimento nella Comunità Italiana della operosa città. Lo fu anche per sua cognata Luigina aiutandola a portare avanti l'attività e la famiglia in seguito alla morte prematura del fratello Libero.
Si è sempre impegnato per sostenere chi gli chiedeva aiuto trovandosi in difficoltà: le iniziative di solidarietà sono state innumerevoli, con particolare riguardo verso i connazionali bisognosi. I molti impiegati che collaborarono con lui divennero motivo di orgoglio e di interesse personale.
Nella sua amata Maracaibo coadiuvò varie istituzioni cattoliche, alimentando iniziative e progetti, attuando così i princìpi religiosi ricevuti.
Nel tempo tutti i suoi figli si impegnarono con notevoli responsabilità nell'impresa familiare, facendola crescere e prosperare cosicché maturò il momento di affidare loro le redini in totale tranquillità, rimanendo sempre interessato e coinvolto.
Adesso poteva dedicarsi ai suoi hobby prediletti non amando starsene con le mani in mano (chissà quanti lo avranno salutato mentre camminava la mattina presto fino alla cappella di Corsano).
Tornava spesso in Italia dagli altri suoi fratelli e così l'attaccamento con Montecalvo, che non si era mai interrotto, si fece sempre più costante: tutte le estati amava soggiornare nella casa paterna 'ncoppa a la chiazza, riabbracciare i suoi parenti e paesani, ritrovare i sapori della sua terra, rinnovare la devozione per San Pompilio (suo padre Francesco fu tra i fondatori del primo comitato organizzatore della Festa del nostro Santo); in più riteneva un dovere trovarsi qui il giorno di Ferragosto per partecipare alla "Sagra dei Cicatielli"!
Pur rimanendo attaccatissimo alle sue radici italiane era profondamente grato e riconoscente al Venezuela che lo aveva accolto ancora ragazzo e gli aveva permesso di realizzare i suoi progetti, e da parte sua non si risparmiò per portare benessere e sviluppo nella sua nuova patria.
Ammetteva sinceramente che mai avrebbe realizzato tutto ciò senza l'amore e il supporto della sua sposa Maria: nel "giardino delle suore" avevano celebrato le Nozze d'Oro e tra poco più di un mese avrebbero festeggiato i 60 anni di matrimonio.
L'amore per la famiglia e la serietà nel lavoro sono stati i fondamenti della sua vita e l'esempio per quanti lo hanno conosciuto.

Visualizzazioni: 339

Commento

Devi essere membro di TeleMontecalvo per aggiungere commenti!

Partecipa a TeleMontecalvo

Colonna sonora

Forum

automobilista strafottente montecalvese

Continua

Iniziata da giuseppe iorillo 23 Ago 2015.

a Montecalvo si parcheggia così

Continua

Iniziata da giuseppe iorillo 23 Ago 2015.

Previsioni meteo di oggi

Continua

Iniziata da teleMontecalvo 5 Ott 2013.

Diretta Tv dalla Camera dei Deputati

Continua

Iniziata da teleMontecalvo 5 Ott 2013.

Ami raccontare il tuo paese, gli avvenimenti di tutti i giorni, le storie e le esperienze della realtà che ti circonda? AGGIUNGI UN POST

Attività Recenti

Post del blog da teleMontecalvo

È morto a Maracaibo, in Venezuela, Antonio Romolo Cafoncelli.

Il giorno 30 giugno 2020 si è spento nella sua casa di Maracaibo (Venezuela) il nostro compaesano Antonio Romolo Cafoncelli, assistito amorevolmente da sua moglie Maria e da tutti i suoi familiari. Nato a Montecalvo Irpino nel 1932, Romolo era emigrato, appena diciottenne, in Venezuela. Il Paese sudamericano offriva molte opportunità a chi le voleva cogliere e lui, da…Ulteriori informazioni
6 Lug
Post del blog da teleMontecalvo
15 Dic 2019
Post del blog da teleMontecalvo

RISULTATI ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2019

 VotantiSezioneMaschiFemmineTotaliI260288548II352385737III282340622IV390340730TOTALE128413532637ELETTORI215122764427%59,6959,4559,57 Foglio 2: Sindaco vincenteObiettivo Comune1304Mirko IorilloSindacoUnione Popolare715Gianni Iorioel consigliereConsenso Civico454Giuseppe De Cillisel consiglireMontecalvo nel Cuore105Rosa Caccese Foglio 3: PreferenzeCOMUNE DI MONTECALVO IRPINOAMMINISTRATIVE 2019dati definitivi ufficialiSCHEDE SCRUTINATE2637SU2637100,00%Obiettivo Comune…Ulteriori informazioni
1 Giu 2019
Post del blog da teleMontecalvo

PUBBLICATO IL PRIMO VOLUME DEL DIZIONARIO ILLUSTRATO DEL DIALETTO MONTECALVESE

Questo dizionario può ritenersi un piccolo ma prezioso “scrigno” nel quale è racchiuso tutto ciò che è stato possibile reperire del patrimonio dialettale montecalvese. Il dialetto è quello parlato comunemente a Montecalvo, cioè la lingua che i Montecalvesi hanno usato fin da piccoli, durante i giochi, nelle relazioni quotidiane, nelle chiacchierate tra amici. Per anni…Ulteriori informazioni
13 Mag 2019

© 2020   Creato da teleMontecalvo.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Politica sulla privacy  |  Termini del servizio